Notizie Avventiste/Francesco Zenzale
Fra le migliaia di persone che la vita mi ha concesso di conoscere, ricordo una signora che mi raccontava un episodio della telenovela Beautiful con un coinvolgimento emozionale tale da scambiare la fiction con la realtà. La signora si era immedesimata a tal punto in uno dei personaggi che lo difendeva con rabbia, come se fosse lei la protagonista. Indubbiamente, nel corso degli anni, aveva creato una tale dipendenza da perdere in qualche modo il contatto con la realtà, finendo con il proiettare nella finzione alcune sue difficoltà matrimoniali.
Capita sempre più spesso di incontrare persone, a volte famiglie intere o gruppi, che parlano continuamente di ciò che hanno visto o dovranno vedere in televisione, hanno come fonte del proprio sapere la tv, pensano come i personaggi televisivi, e addirittura vivono come loro!
Esiste oggi una cultura che ha la sua origine nella finzione mediatica, cioè nella rappresentazione della vita che i comunicatori inventano con il solo obiettivo di produrre nei telespettatori qualcosa che li intrattenga, li ancori davanti allo schermo, puntata dopo puntata. Ma il loro scopo è spesso solo quello di far soldi, naturalmente!
Gesù disse: “senza di me non potete fare nulla”. Parole significative che invitano a una scelta consapevole di dipendenza, non da un personaggio rappresentativo della realtà ma da uno che è la verità stessa (Giovanni 14:6). La verità storica, spirituale, umana… la Verità, non qualcosa di vero.

Nessuno uomo è mai stato realmente uomo come Gesù e potrà mai dire: “Io sono la via la verità e la vita”. Gesù è l’unico. Non è un indicatore stradale che nel tempo sotto la pioggia si arrugginisce e quindi bisogna imbiancarlo o sostituirlo. Egli è la Via. Non è qualcosa che potrebbe essere o non essere vero a seconda delle valutazione dei singoli e delle interpretazioni umane. Egli è la Verità. Non è qualcosa di vivo che potrebbe un giorno trovarsi in stato di coma, bisognoso delle nostre attenzione e di cure mediche. Egli è la Vita. Scegli Gesù!