Va’… e racconta!

Questi 72 studi biblici ti aiuteranno a raccontare all’altro, bisognoso di Cristo, la tua esperienza con Gesù: ciò in cui tu credi e vivi.

La verità che non è vissuta e non è offerta perde la sua potenza vivificante, la sua virtù sanatrice; la sua benedizione non può essere ritenuta se non condivisa

(E. G. White, Sulle Orme del Gran Medico, p. 57, ed. AdV, Impruneta – Fi)

Fra i tanti motivi per cui siamo nati e siamo qui, su questa terra, il più rilevante, è che siamo stati creati per amare. «Ama il Signore Dio tuo con tutto il tuo cuore, con tutta la tua anima e con tutta la tua mente» e «Ama il tuo prossimo come te stesso»

(Mt 22:37-39)

Non amare significa morire, ovvero si vive come se fossimo già morti. Le persone che professionalmente hanno successo, ma che non hanno scoperto la vera dimensione dell’amore, vivono, sì, ma come se fossero morte. August Aguillar scrisse: “L’uomo é condannato ad amare, perché quando non sceglie di farlo rimane nella solitudine e distruzione”. Io credo che questo sia vero, che la vita ha senso, solo quando ci doniamo, quando amiamo e ci lasciamo amare. Dio ci ha creati per questo proposito. Se vogliamo godere della pace, della piena felicità, dobbiamo organizzare la nostra vita orientandola secondo l’esperienza di Cristo: Egli amava e si lasciava amare. Questo ci aiuterà non solo spiritualmente, ma anche fisicamente ed emotivamente.

Chi non ama e non si lascia amare è condannato ad un’esistenza fragile, priva di significato. Più ci chiudiamo in noi stessi, nel nostro mondo, sgradevole o piacevole che sia, più la vita perde valore.

Scrive Ellen White:

Quando nel cuore di un uomo vive il Signore, da quel cuore scaturiranno benedizioni e amore per gli altri… Se l’amore di Cristo viene conservato nel cuore come una cosa sacra, la fragranza che emana non potrà rimanere nascosta e il suo influsso verrà avvertito da tutti che ne verranno in contatto. Lo Spirito Santo presente nel cuore dell’uomo è come una sorgente d’acqua che scaturisce in un deserto per rinfrescare e dare vita a coloro che stanno per perire, pronti però a bere quest’acqua di vita.

(Passi verso Gesù, p. 75)

Và nella tua casa, dai tuoi, annunzia loro ciò che il Signore ti ha fatto e la misericordia che ti ha usato.