+39 06 360959 1 uicca@avventisti.it

Dichiarazione sulle questioni femminili

Serie: Documenti ufficiali

Gli avventisti del settimo giorno credono che gli esseri umani, maschi e femmine, siano stati creati tutti uguali, a immagine di un Dio d’amore. Crediamo che sia gli uomini che le donne siano chiamati a ricoprire un ruolo importante nel compiere la principale missione della chiesa avventista: cooperare per il bene dell’umanità. Tuttavia, siamo consci del fatto che in tutto il mondo, nei paesi in via di sviluppo come in quelli sviluppati, condizioni sociali sfavorevoli spesso impediscono alle donne di realizzare il potenziale che Dio ha dato loro. La Chiesa avventista del settimo giorno ha identificato vari grossi problemi, accuratamente documentati dalla ricerca, che spesso limitano il valido contributo che le donne potrebbero apportare alla società. Lo stress, l’ambiente e l’insorgere di nuove esigenze hanno esposto le donne a un rischio maggiore di incorrere in problemi di salute. La povertà e il pesante carico di lavoro non solo privano le donne della loro capacità di godere della vita, ma compromettono il loro benessere fisico e spirituale. La violenza in famiglia ha gravi ripercussioni sulle proprie vittime. Le donne hanno il diritto di godere dei privilegi e delle opportunità che Dio ha riconosciuto a ogni essere umano: il diritto all’alfabetizzazione, all’istruzione, a cure sanitarie adeguate, a partecipare ai processi decisionali e a una vita senza abusi mentali, fisici o sessuali. Riteniamo anche che le donne dovrebbero ricoprire un ruolo più importante nella leadership e negli organi decisionali della chiesa come della società. In fine, crediamo che la chiesa compirà la sua missione soltanto quando le donne saranno dotate della possibilità di esprimere completamente il proprio potenziale.

_____________________
La presente dichiarazione è stata approvata e votata dal Comitato amministrativo della Conferenza generale degli avventisti del settimo giorno (ADCOM) e rilasciata dall’ufficio del Presidente, Robert S. Folkenberg, in occasione della sessione della Conferenza generale a Utrecht, nei Paesi Bassi, dal 29 giugno all’8 luglio 1995.

Traduzione revisionata: 10/2012
Dipartimento Comunicazioni – Unione Italiana delle Chiese Cristiane Avventiste del 7° Giorno